La sofferenza

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La sofferenza

Messaggio  Mary il Gio Feb 28, 2008 10:55 pm

Valerio Albisetti è il mio autore in assoluto preferito, ho letto quasi tutti i suoi libri e ognuno di essi mi ha dato sempre qualche consapevolezza in più o comunque era uno spunto di grande riflessione in determinati momenti della mia vita. Egli è uno psicologo psicoanalista che nella sua formazione si è distaccato dalla psicoanalisi fondando una scuola di Psicospiritualità. La sua visione di uomo infatti non si può ridurre semplicemente a impulsi e soddisfazioni di bisogni ma oltre quello vi è una componente spirituale in ognuno che non si può sottovalutare. In tutti i suoi libri quindi di svariate tematiche ribadisce sempre e costantemente la sua visione sotto un profilo cristiano affermandosi egli stesso un Cristiano credente.
A me piace molto questo autore in quanto condivido molto la sua visione della vita.
Mi piacerebbe quindi trascrivervi in questo spazio alcuni suoi testi e sarei molto curiosa di sapere in voi che riflessioni suscitano questi brani e poterle confrontare...

UN NUOVO MODO DI SOFFRIRE
Superare la sofferenza significa allora non negarla, ma viverla, attraversarla, uscirne trasformati.
Come sostengo ormai da tempo, il negare, il rimuovere, il proiettare all' esterno le cause di questa sofferenza, o addirittura il permanervi senza significarla, il crogiolarvisi dentro, da eterne vittime, non fa crescere psicologicamente, né spiritualmente.
Saper soffrire significa dunque saper stare nella sofferenza per saperne uscire trasformati.
So che molte persone non sono d'accordo, non vorrebbero mai soffrire, vorrebbero eliminare la sofferenza e la morte stessa.
E questa è la causa di tante nevrosi e di tanti peccati.
Saper soffrire significa saper stare nella sofferenza per poi uscirne.
Il negare, il rimuovere, il proiettare all'esterno le cause della sofferenza, soprattutto psicologica e spirituale, o, al contrario, il rimanere dentro la sofferenza, da vittime sacrificali, senza elaborarla, non fa crescere.
Non traforma.
La sofferenza appartiene alla vita.
Per definizione.
E' meglio metterla in conto, fin da subito.
Siamo qui, sulla terra, per compiere un viaggio.
Un viaggio eroico.
Dove ci si trasforma.
Seguendo la propria vocazione, i propri carismi.
Tra l'altro, come ho sempre detto nei miei libri, in un viaggio vero di ricerca se si rimane dentro le cose, dentro le persone, si muore.
Bisogna usare le cose e porsi al servizio degli altri [...]
(V. Albisetti, Come attraversare la sofferenza, pp.81-82)

_________________
"Coltivati un giardino interiore: ti accompagnerà ovunque. E sarà la tua forza di vivere" (B.Ferrero)
avatar
Mary
Admin

Messaggi : 86
Data d'iscrizione : 22.02.08
Località : Il mondo....

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Albisetti come Viktor Frankl

Messaggio  Pia il Ven Feb 29, 2008 9:17 pm

Wow! Questo passaggio mi ha colpito come un pugno nello stomaco, ma non in senso negativo. comunque mi chiedo se Albisetti abbia avuto qualcosa a che fare con Frankl e la sua "logoterapia", che dice più o meno le stesse cose. Domani vado a comprare qualcosa di Albisetti!
avatar
Pia

Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 25.02.08

Vedi il profilo dell'utente http://andareoltreinsieme.wordpress.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La sofferenza

Messaggio  Mary il Dom Mar 02, 2008 4:54 pm

Pia ha scritto:Wow! Questo passaggio mi ha colpito come un pugno nello stomaco, ma non in senso negativo. comunque mi chiedo se Albisetti abbia avuto qualcosa a che fare con Frankl e la sua "logoterapia", che dice più o meno le stesse cose. Domani vado a comprare qualcosa di Albisetti!

Cara Pia,
per quel che io conosco di Albisetti no, non penso che abbia avuto a che fare in maniera diretta con Frankl. Lui proviene dalla scuola psicoanalitica dove poi, come dicevo, si è nettamente distaccato, formando la sua di scuola di psicoterapia con l'approccio della Psicospiritualità.
Però voglio evidenziare che Albisetti nella sua vita ha sofferto molto (in questo forse si può molto riavvicinare a Frankl) in quanto circa 10anni fa ha superato un tumore al cervello e da quel momento in poi circa ha iniziato a scrivere. Di libri suoi ce ne sono tanti e di svariate tematiche (rapporti di coppia, genitori/figli, sull'individuo ecc.)
La cosa poi che mi piace tantissimo di lui, e che traspare concretamente poi in quello che scrive, è che lui vive la sua professione e il suo scrivere come autentica "vocazione", e si sente che quanto ciò lui dice, di fatto, lo vive lui in prima persona.
Sono felice che ti sia piaciuto... Very Happy appena mi libero da questa settimana infernale che mi aspetta, affraid posterò alcuni altri suoi brani! Very Happy
Un forte abbraccio Pia! A presto.
Ps: riguardo al pugno allo stomaco ti capisco benissimo! Fa lo stesso effetto anche a me sempre non in senso negativo. Il suo modo di scrivere chiaro e diretto mi hanno sempre colpito profondamente ed anzi in alcuni momenti della mia vita leggere alcuni suoi libri mi hanno dato delle "illuminazioni" profonde su me e su ciò che vivevo!

_________________
"Coltivati un giardino interiore: ti accompagnerà ovunque. E sarà la tua forza di vivere" (B.Ferrero)
avatar
Mary
Admin

Messaggi : 86
Data d'iscrizione : 22.02.08
Località : Il mondo....

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Ancora sulla sofferenza....

Messaggio  Mary il Lun Mar 10, 2008 5:27 pm

Voglio continuare con un altro brano di Albisetti e dello stesso libro ancora un pò sulla sofferenza...
Buona lettura a tutti! Very Happy

RIVOLTO A TE
Ecco, per tornare al tema della sofferenza, vorrei subito dire a chi mi legge, come è nel mio stile, a te che in questo preciso momento stai leggendo le mie parole: sì!Puoi guarire!
La sofferenza psichica e spirituale che ci toglie la voglia di vivere, che ci toglie la speranza, che ci toglie la libertà, che ci rende pessimisti, cupi schiavi dei nostri desideri, schiacciati dalle nostre nevrosi, dalle nostre meschine miserie, che ci porta lentamente, ma inesorabilmente ad autodistruggerci, SI PUO' VINCERE!
Si può guarire.
Mai arrendersi.
NON DIMENTICARE. Se ti affidi al Signore, non sarai mai caricato di un peso che non puoi sopportare.
I disegni di Dio sono sempre imperscrutabili, misteriosi.
Coloro, che come me, sono da tempo in cammino di crescita psicologica, spirituale, sanno che il loro viaggio non è rettilineo, ma a spirali. Dove sono previsti tranelli, trappole, tradimenti, incontri belli e brutti, positivi e negativi, dove...puoi fare tre passi avanti e quattro indietro... dove puoi fermarti, ma MAI devi uscire dal tuo percorso, dal viaggio.
Non bisogna scoraggiarsi.
Mai.
Sono prove.
Per verificare la nostra fedeltà al Signore.
Lo scopo è aumentare in profondità e saggezza, al di là della meta.
Aumentare in spiritualità.
Lo scopo è conoscere sempre il nostro cuore.
E, una volta conosciuto, renderlo sempre più dolce e buono.
In questo tipo di percorso non si è mai arrivati alla fine.
E' dunque una questione di livelli di profondità spirituale. Non si potrà MAI raggiungere la perfezione, perché questa è Dio.
Noi non siamo dèi, ma uomini.
Non facciamoci prendere dal delirio di onnipotenza, che è poi, alla base di ogni nevrosi, di ogni peccato.
Cercate l'umiltà e fate che il Signore parli dentro di voi.
Questo è il vero scopo della nostra venuta sulla terra.
La sofferenza, è per me, il luogo prediletto per la crescita personale di tipo spirituale.
E' il luogo di purificazione.
L'inizio del viaggio di crescita spirituale non coincide naturalmente con la nostra nascita fisica, né con l'entrata nell'età matura. Non tiene conto delle date anagrafiche.
Molte sono le persone anziane ancora inconsapevoli, non spirituali.
Incomincia, quando, di fronte alla sofferenza, al dolore, alle incomprensioni, ai fallimenti in campo affettivo, lavorativo, la persona, mentre vive ciò che sta accadendo, cerca ALTRO, cerca di approfondire, di andare oltre, di dare un senso, un significato che aumenti la consapevolezza del suo esistere, che aiuti sempre più a crescere, a raggiungere stadi più elevati di comprensione della sua missione.
In questo cambio di prospettiva, aiuta molto guardarsi indietro, effettuare una visione retrospettiva e analitica della vita passata, degli accadimenti, delle circostanze, dei fatti vissuti, delle persone incontrate, prendendone distanza e incasellando il tutto in un mosaico di senso.
Allora anche una situazione che ha fatto soffrire prende senso, ci si accorge che doveva essere vissuta, attraversata, per poter cambiare, per poter divenire una persona più consapevole, più matura, più vicina a Dio.
Dunque per dare senso alla sofferenza si deve vivere sapendo che non esistono cose fortuite, ma che tutto ciò che una persona attraversa, sperimenta, vive, è necessario, perfettamente necessario per porsi e stare in cammino di crescita spirituale, passando a stadi più alti, più evoluti, ancor più vicini a Dio.
Le persone che apprendono questo modo di vivere hanno vinto la sofferenza come non senso, come maledizione, come angosciante perdita di speranza.
Hanno fede.
Il che non significa che le cose andranno secondo la loro volontà o che migliorini, ma che non perdono la fiducia in Dio.
In Colui che è più forte della sofferenza, del dolore, della stessa vita, e che manda nel cuore di ognuno lo Spirito Santo.
(Valerio Albisetti, come attraversare la sofferenza)

_________________
"Coltivati un giardino interiore: ti accompagnerà ovunque. E sarà la tua forza di vivere" (B.Ferrero)
avatar
Mary
Admin

Messaggi : 86
Data d'iscrizione : 22.02.08
Località : Il mondo....

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La sofferenza

Messaggio  Pia il Gio Lug 10, 2008 7:30 pm

Che ne dici, Mary, di postare ancora qualcosa di albisetti?
Che fai di bello? Tutto ok?
avatar
Pia

Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 25.02.08

Vedi il profilo dell'utente http://andareoltreinsieme.wordpress.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La sofferenza

Messaggio  Mary il Sab Ago 02, 2008 11:39 am

Carissima, come hai saputo son rientrata da poco in internet perchè in questi ultimi due mesi mi è stato alquanto impossibile per i numerosi impegni.
Sono contenta che mi chiedi di Albisetti e lo farò mooooolto volentieri appena avrò un attimino di tempo per postarlo! grazie per la richiesta, mi fa molto piacere.
A presto, un abbraccio forte forte. :amico

E un abbraccio a tutti voi cari amici del forum! :abbtutti

_________________
"Coltivati un giardino interiore: ti accompagnerà ovunque. E sarà la tua forza di vivere" (B.Ferrero)
avatar
Mary
Admin

Messaggi : 86
Data d'iscrizione : 22.02.08
Località : Il mondo....

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La sofferenza

Messaggio  Pia il Lun Ago 04, 2008 6:11 pm

Bentornata!!! :urra

E un abbraccio anch a te! :abbr
avatar
Pia

Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 25.02.08

Vedi il profilo dell'utente http://andareoltreinsieme.wordpress.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La sofferenza

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum